venerdì 4 settembre 2015

LIBRI: Maqeda di Salvo Sottile - Baldini Castoldi Dakai editore


Maqeda
 Filippo, un ragazzo avventato e ambizioso, inizia la sua «educazione sentimentale» alla mafia il giorno in cui si ritrova a fare da angelo custode a una tossicodipendente. Il dopo è un susseguirsi di ruoli. Diventa fotografo di cronaca nera, poi imprenditore senza scrupoli, poi braccio destro di uno zio ammanigliato con i boss. E finisce pure in carcere come complice di un omicidio. Non un omicidio qualunque, ma l’assassinio del vicequestore Ninni Cassarà, quel poliziotto eroico e testardo massacrato negli anni ‘80 dai corleonesi di Totò Riina in guerra con lo Stato. Ed è li, nei bracci dell’Ucciardone, che Filippo assapora prima il rispetto degli altri detenuti e poi il delirio di sentirsi finalmente parte di un olimpo potente e scellerato. Quello della mafia che comanda, che uccide, che atterrisce e che promette senza mai mantenere. Una tragedia degli inganni. Maqeda è la storia di una vita che appare condannata alla crudeltà mafiosa. Un destino senza redenzione, flagellato dalle vendette e dai tradimenti. Filippo consuma la sua giovinezza costeggiando nefandezze e ambiguità. Sembra l’attore di una trama scritta apposta per stritolarlo. Una trama perfetta. Tranne l’ultima pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

ciao. lascia il tuo commento, sarà pubblicato al più presto. grazie