lunedì 21 novembre 2016

LIBRI: Croce e delizia di Luciano De Crescenzo - Mondadori

Se vi trovaste in mano questo libro, senza copertina e senza nome d'autore, certo non direste subito: «Toh, ecco il nuovo De Crescenzo!».Mancano i filosofi, in Croce e delizia, e mancano anche gli dèi; perdipiù l'azione non si svolge né sotto le mura di Troia né a Napoli, bensì a Parigi.E tuttavia la vostra incertezza non durerebbe a lungo. Quel tocco leggero, quella scrittura trasparente, quel modo di sorridere che ha la pagina vi apparirebbero presto familiari. Non dal repertorio, ma dalla mano felice riconoscereste Luciano De Crescenzo.Croce e delizia è uno strano libro. Si crede di leggere la storia di una burla (argomento canonico, questo, di tanta letteratura e di tanto cinema italiani), e alla fine ci si accorge di aver letto un bellissimo romanzo d'amore. Un romanzo ispirato da «quell'amor ch'è palpito - dell'universo intero - misterioso, altero - croce e delizia al cor», come cantano Violetta e Alfredo nella Traviata di Verdi.Se la protagonista non è giovane e seducente come Violetta, il suo amora è altrettanto assoluto, e il suo destino altrettanto straziante. Ninotchka di Lubitsch fu lanciato con lo slogan: «La Garbo ride»; forse non è il caso di lanciare Croce e delizia con lo slogan: «De Crescenzo piange», ma è certo che molti lettori, arrivati al finale di questo libro, non potranno fare a meno di commuoversi, e forse ai più sensibili accadrà persino di versare qualche lacrima.

Nessun commento:

Posta un commento

ciao. lascia il tuo commento, sarà pubblicato al più presto. grazie