mercoledì 31 agosto 2016

Beni confiscati alla mafia: due bandi per la concessione - Due bandi per assegnare beni confiscati alla criminalità organizzata: per presentare i progetti per gli immobili c'è tempo fino al 30 settembre, per i terreni fino al 14 ottobre



Il Comune di Palermo promuove l’utilizzo degli immobili e dei terreni
confiscati alla criminalità organizzata lanciando due bandi per
aggiudicarsi la concessione gratuita: è possibile presentare le istanze
per l’assegnazione degli immobili fino a venerdì 30 settembre, mentre per l’assegnazione dei terreni c’è tempo fino a venerdì 14 ottobre.

Per gli immobili (visualizza bando),
in totale 46 tra uffici, magazzini e ville, i progetti cui dovranno
essere destinati dovranno avere finali sociali, ambientali, culturali,
educativo, ludico-ricreativo e di protezione civile. Per i 32 terreni (visualizza bando), invece, i progetti dovranno avere finalità sociali, ambientali o di protezione civile.

Possono avanzare l'istanza di concessione, i soggetti di comunità anche
giovanili, enti, associazioni maggiormente rappresentative degli enti
locali, organizzazione di volontariato, cooperative sociali, comunità
terapeutiche e centri di recupero e cura di tossicodipendente,
associazione di protezione ambientali riconosciute, operatori
dell'agricoltura sociale riconosciuti.

Nella formulazione delle graduatorie si terrà conto della qualità dei progetti, dell'esperienza dei richiedenti, dell'aderenza alle finalità di legge
e, nel caso dei terreni, sarà dato un punteggio integrativo (15/100) a
coloro che non hanno attualmente beni assegnati dal Comune.

L'istanza dovrà essere caricata online, allegando la relativa documentazione firmata in digitale, tramite il sito del Comune di Palermo.
Con questa iniziativa, l’Amministrazione vuole dimostrare la propria
volontà di individuare i concessionari sempre in modo pubblico,
diffondendo in primo luogo la cultura della legalità.

Beni confiscati alla mafia: due bandi per la concessione: Due bandi per assegnare beni confiscati alla criminalità organizzata: per presentare i progetti per gli immobili c'è tempo fino al 30 settembre, per i terreni fino al 14 ottobre
fonte: http://www.balarm.it/articoli/beni-confiscati-alla-mafia--due-bandi-per-la-concessione.asp
Balarm.it

venerdì 12 agosto 2016

SPORT: Come dimagrire camminando: programma e calorie da bruciare

 Come dimagrire camminando? Vediamo il programma e le calorie da bruciare. In effetti i vantaggi del camminare sono tanti, perché possiamo snellire le parti che sono più soggette all’ingrassamento, come i fianchi e la pancia, tonificando il corpo e aumentando il metabolismo. Ma c’è di più, perché non si tratta soltanto di dimagrire camminando velocemente, ma la nostra andatura permette anche di conquistare dei vantaggi che concorrono al nostro benessere generale, in particolare alla salute cardiovascolare e ai benefici che ne può trarre la mente. Ma quanto bisogna camminare al giorno per dimagrire? Nello specifico, come camminare? Vediamo insieme i dettagli.
I vantaggi del camminare
Camminare molto fa dimagrire, soprattutto se optiamo per una bella passeggiata all’aperto, scegliendo vestiti comodi e scarpe adeguate. Si può camminare anche sul tappeto, che ci fa vedere gli indicatori della distanza percorsa e la velocità, mantenendo sempre sotto controllo le calorie e il ritmo cardiaco. Tra l’altro sul tappeto è possibile anche variare l’inclinazione e i livelli di andatura.
In un modo o nell’altro, attraverso la camminata, riusciamo a tonificare i vari gruppi muscolari del corpo, sia nella parte inferiore che superiore, miglioriamo la nostra capacità cardiovascolare, riducendo il diabete e il colesterolo, possiamo perdere peso, aumentiamo la capacità polmonare e possiamo eliminare lo stress, migliorando la qualità del nostro umore. E’ stato provato che anche la memoria migliora camminando. Tra l’altro esercitarsi all’aperto, soprattutto in zone verdi, rappresenta un valido aiuto per determinare sul nostro cervello l’effetto antidepressivo. Camminare è essenziale anche per recuperare in termini di salute psichica.
Il programma
Camminare costituisce un vero e proprio sport, ecco perché questo allenamento deve essere soggetto ad un preciso programma. E’ importante, per iniziare, provvedere ad un leggero riscaldamento. Camminando, si deve sempre avere cura di alternare il passo svelto ad uno più lento. Per esempio, i primi 5 minuti si possono svolgere alternando 60 secondi di camminata a passo svelto e 60 a passo più moderato. A questo punto si può passare a 40 secondi di passo svelto e a 20 di passo lento, procedendo in questo modo per altri 10 minuti.
Per i successivi 10 minuti si possono eseguire 30 secondi di camminata veloce e 30 a passo moderato e poi altri 5 minuti lentamente. Alla fine seguono 5 minuti di stretching da raffreddamento. In questo modo possiamo dare la possibilità al nostro corpo di abituarsi. Naturalmente all’inizio non si deve esagerare, specialmente se non si è allenati nel modo giusto. Se si è in sovrappeso, è meglio non superare i 2 chilometri 3 volte alla settimana, almeno finché il corpo non acquisirà una maggiore resistenza.
Le calorie da bruciare
Se si cammina tutti i giorni, per un totale di 45 minuti in una settimana, si possono bruciare fino a 1.300 calorie. Naturalmente non si deve strafare, anche perché il dato può variare in base ai limiti personali, a seconda del peso e del livello di sforzo effettuato. Di certo l’attività aerobica è capace di accelerare il metabolismo, di portare a bruciare più grassi, e tutto questo comporta dei benefici per la forma fisica.
In teoria il dimagrimento si verifica quando si consumano più calorie rispetto a quante se ne ingeriscono. Naturalmente, però, è importante non trascurare nemmeno l’alimentazione: non si può pensare di abbuffarsi e poi recuperare tutto camminando. E’ rilevante riuscire a contenersi nel consumo di cibi grassi ed eccessivamente zuccherati.
http://www.tantasalute.it/