sabato 21 ottobre 2017

Ogni domenica, dal 22 Ottobre al 17 Dicembre degustazioni, mercatini dei prodotti tipici del territorio etneo, escursioni, intrattenimento, gonfiabili per bambini 🍷🍇 🍂🌰 Tutto all'insegna dei prodotti a km zero!

L'immagine può contenere: sMS
Ogni domenica, dal 22 Ottobre al 17 Dicembre degustazioni, mercatini dei prodotti tipici del territorio etneo, escursioni, intrattenimento, gonfiabili per bambini 🍷🍇 🍂🌰 Tutto all'insegna dei prodotti a km zero!

22 ottobre - Sagra dei maccheroni **** 29 ottobre - Sagra della trippa a ROMETTA Centro Storico

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

21/22 ottobre - Sagra della mostarda di fichidindia a Gagliano Castelferrato

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono

29 ottobre - Sagra mele e pere deòò'Etna e prodotti tipici a Trecastagni CT

L'immagine può contenere: sMS

22 ottobre - Cantine in bicicletta + Festa del Castagno a Trecastagni CT

L'immagine può contenere: sMS

31 ottobre - Giornata Nazionale del Trekking Urbano a Palermo - Punto di partenza: Via Volturno (Porta Carini) Punto di arrivo: Ballarò (Casa di Cagliostro) Orario di partenza: ore 9


Un percorso tra realtà storica e misteriose credenze popolari”
Filo conduttore del percorso tra realtà e fantasia i romanzi del prolifico scrittore palermitano Luigi Natoli. Dalla storica Porta Carini (1300), dove trovarono inizio le avventure dei Beati Paoli, parte una passeggiata all’interno del mercato “Capo” espressione della Palermo Araba con la Chiesa dell’Immacolata Concezione. Di seguito sosta presso la Chiesa di Santa Maruzza ai “Canceddi” con la grotta dove si riunivano i Beati Paoli. Poi la Madonna della Mercede, dove si dice che una monaca continui ad apparire sul campanile. A seguire ci fermiamo presso la Chiesa di Sant’ Agostino famosa per il culto a Santa Rita, decorata con gli stucchi del Serpotta. Successivamente incontriamo la Chiesa di Sant’Onofrio “u pilusu”, venerato perché aiutava le nubili a trovare marito ed anche gli oggetti smarriti. Poi l’antica sede del Monte dei Pegni chiamata la casa “della pannarìa”, dove prendevano dietro pegno le doti dei corredi, con l’intento di combattere l’usura. Si arriva poi ai Quattro Canti dove fu giustiziata la Vecchia dell’aceto. Visitiamo infine il mercato di Ballarò con la casa di Cagliostro.

INFO PERCORSO:
Tempo di percorrenza: 3 ore
Lunghezza: 2 km
Difficoltà: bassa
Punto di partenza: Via Volturno (Porta Carini)
Punto di arrivo: Ballarò (Casa di Cagliostro)
Orario di partenza: ore 9

PER INFORMAZIONI:

Comune di Palermo
Servizio Turismo U.O. n.3 Gestione Eventi
Tel. 091 7405945 – 5901 – 5910
promozioneturismo@comune.palermo.it
www.comune.palermo.it
Il percorso sarà guidato dagli alunni del Liceo Linguistico G.A. De Cosmi nell’ambito del progetto Alternanza Scuola- Lavoro


29 ottobre - Sagra della castagna a Montagnareale (ME)


27 / 29 ottobre - Festa dei Sapori Madoniti d'autunno Petralia Sottana

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

27 / 29 ottobre - Festa ra' Scaccia a Ragusa

L'immagine può contenere: sMS

“A FESTA RA SCACCIA”

A.s.c. City Social realizza e Ragusa.es. Infopoint Ragusa e partner promuovono un evento totalmente incentrato sulla tipica “Scaccia” degli Iblei.

Solo “Scacce” e di tutti i tipi! E vi saranno anche scacce Gluten-Free.

Operatori presenti :

- Ragusa : VINDIGNI – EUROFORNO – A BRIULA
- Comiso : ANTICO FORNO A PIETRA
- Vittoria : MASSARO (Gluten free) - SIKÉLIA
- Modica : PENTITO
- Chiaramonte Gulfi : LA BAGUETTE
- Roccazzo : C’ERA UNA VOLTA
- Ispica : SICILIAN FOOD

L’evento prenderà il via l’ultima settimana di Ottobre 27-28-29 (3 giorni), al termine dei quali verrà eletta la miglior Scaccia dell’anno, valutata sia da una giuria d’eccellenza, sia dal pubblico stesso.

Gli stand saranno posti al centro di Piazza San Giovanni a Ragusa Superiore. (Centro Storico)

Ogni operatore sarà contraddistinto dal:

- Nome dell’Azienda
- Numero dello Stand (Per permettere la votazione del pubblico).

La cura della salubrità del cibo sarà gestita e garantita da ogni operatore che esporrà il proprio certificato H.A.C.C.P. ed utilizzerà ogni mezzo ed attrezzatura necessaria al fine di garantire igiene e salubrità del prodotto.

Non vi sarà movimento di denaro all’interno dell’evento.

Il pubblico cambierà in gettoni o biglietti timbrati da Ragusa.es la somma desiderata per acquistare cibi e bevande, con l’equivalente di 1 gettone/biglietto = 1 €.

Prezzi indicativi :

1 Scaccia 200gr ca. a partire da 2 biglietti
1 Acqua = 1 biglietto
1 Bibita = a partire da 2 biglietti
1 Piatto degustazione = a partire da 4 biglietti
Eventuali altri prodotti = prezzi definiti dai produttori e debitamente esposti.

I biglietti in promo con Bibita in omaggio e/o riduzioni di prezzo sono da subito disponibili su richiesta presso Infopoint Ragusa, Via G. matteotti 79, Tel. +39 389 769 3006 e verranno consegnati ai soli affiliati e/o membri del City Social, C.S.E.N., Associazione Campeggiatori Iblei, Associazione Iblea Turisti Itineranti, dipendenti di tutti i Comuni aderenti e personale delle Aziende Sponsor.

Gli operatori enogastronomici venderanno principalmente scacce in tutte le loro varianti ed eventuali altri prodotti, cavalli di battaglia della propria gastronomia e creati artigianalmente nella propria struttura e con chiare indicazioni d’ingredienti di realizzazione.

Sarà posto ben in vista il prestampato che permetterà al pubblico di informarsi sul tipo di focaccia, la sua particolarità (olio EVO, farine Gluten free, grani antichi, ecc…) e gli ingredienti.

Inoltre saranno presenti gli Stand di

CAPPADONNA
ABIOMED
VULCANI DA VIVERE
MULINO IBLEO
POGGIO DI BORTOLONE
CITY WALK TOUR
ARTIGIANATO LOCALE

Orari :

27 Ottobre :

Ore 17:00 inaugurazione

Ore 17:30 apertura stand

Ore 18:00 apertura stand didattica

Ore 20:00 intrattenimento

Ore 23:30 chiusura stand

28 Ottobre :

Ore 11:30 apertura stand

Ore 18:00 apertura stand didattica

Ore 20:00 intrattenimento

Ore 23:30 chiusura stand

28 Ottobre :

Ore 11:30 apertura stand

Ore 18:00 apertura stand didattico

Ore 20:00 intrattenimento e premiazioni

Ore 23:30 chiusura stand

Attività e/o svolgimento:

Grazie alla collaborazione delle Guide Turistiche aderenti, sarà possibile, a prezzo agevolato, fare una visita socio culturale a Ragusa Superiore e Ibla per poi ritornare in sede Stand con i mezzi urbani fino dalle ore 11:30 alle ore 22:00 max con partenza di gruppi minimo da 8 persone. (I biglietti sono da ritirare in cassa)

Sarà possibile fare una breve escursione in Quad per conoscere e perlustrare sentieri extraurbani di Ragusa e Ragusa Ibla a cura del centro Quad Ibleo di Salvatore Lauretta.(I biglietti sono da ritirare in cassa)

Si potranno conoscere i misteri dell’Etna, grazie all’area tematica gestita da autorevoli Guide Vulcanologiche di Massimo Flaccavento

N.C.C. associati al circuito Infopoint e gestiti da Dario Cafiso, saranno disponibili ad effettuare corse tra Ragusa e Ragusa Ibla a prezzo agevolato.(Pagamento direttamente in NCC a inizio corsa)

L’area didattica gestita dall’Assipan illustrerà le principali tecniche di panificazione dalle ore 18:00 ca. di tutti i giorni.

Sarà possibile noleggiare le Audioguide City Walk Tour per tutti coloro che volessero, in autonomia, scoprire di più su Ragusa Ibla a prezzo agevolato .(Scontrino in cassa e documento in corso di validità)

Per richiedere maggiori informazioni è possibile chiamare il numero +39 389 7693006

Altre informazioni verranno addizionate all’occorrenza nell’evento della Pagina Facebook Festa ra’ Scaccia o all’interno della pagina dedicatawww.festarascaccia.it

L’organizzazione, per garantire qualità e il perfetto svolgimento dell’evento, si riserva la facoltà di apportare modifiche al programma e alla logistica anche senza preavviso.

Si ringraziano gli sponsor che hanno aderito alla Festa ra’ Scaccia :

ABIOMED – CAPPADONNA – BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA – SPADOLA & FIGLI – ANTICO MULINO IBLEO E SEBASTIANO POLLINA E TUTTI I GIORNALISTI CHE NOMINEREMO VIA VIA.

Si ringrazia l’adesione e la diffusione mediatica del Comune di Ragusa, del C.S.E.N. coordinato da Sergio Cassisi e di RAGUSANI NEL MONDO di Sebastiano D'Angelo.

Si ringrazia l’attenta e la costante collaborazione e co-coordinazione dell’evento di Francesco Licitra e del marchio RARICA.

Agli Chef e a voi pubblico l’ultima sentenza !

Buona visione … e buon appetito !
Per registrarsi come Azienda alla Festa ra’ Scaccia :www.festarascaccia.it

Ricordiamo che valgono anche le valutazioni dei partecipanti in Like Facebook : https://www.facebook.com/afestarascaccia

Disponibili anche sul canale Youtube : https://www.youtube.com/channel/UCYYJMdfP9WLS_bnXBnkTIhA?view_as=subscriber

Disponibili anche su tutti i principali canali Social con il nome di Infopoint

LIBRI: Calvello il Bastardo di Luigi Natoli ( William Galt) Flaccovio Editore


LIBRI: I Beati Paoli di Luigi Natoli (William Galt) - Newton Compton Editori


LIBRI: La Principessa Ladra di Luigi Natoli (William Galt) - Flaccovio Editore


LIBRI: Tre mucche in cucina di Leonardo Pieraccioni - Mondadori


LIBRI: Giorni di Mafia dalle origini alla morte di Michele Greco - Biesse


LIBRI: La vita segreta dei cani di Elizabeth Marshall Thomas - Super Pocket Mondadori


venerdì 20 ottobre 2017

20 Ottobrei2017 - La mia ultima donazione di sangue


 donate sangue......donerete VITA.

CARATTERISTICHE DEL SANGUE
Il sangue è un tessuto liquido che rappresenta circa l’8% del peso corporeo e che adempie a svariate funzioni vitali. Esso si compone essenzialmente di una parte liquida, plasma e di una parte corpuscolata, globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. In base a particolari sostanze presenti sulla superficie dei globuli rossi il sangue si differenzia in 4 tipi fondamentali: gruppo A, gruppo B, gruppo AB, gruppo O(zero). Ognuno di questi gruppi è definitivo positivo o negativo dalla presenza o meno del “fattore RH”.




PERCHE’ IL DONO DEL SANGUE
In tutti questi casi c’è bisogno di sangue. Per averne disponibilità ai fini terapeutici, è necessario che, chi è in buone condizioni di salute, spontaneamente ne dia un po’ del suo. Tale atto è un dovere civico e come tale deve essere gratuito; nello stesso tempo è una scelta intimamente personale e perciò deve essere volontario.

CHI PUO’ DONARE IL SANGUE
Può donare il sangue chiunque goda di buona salute, abbia un’età compresa fra i 18 e i 65 anni e pesa almeno 50 Kg. Sono escluse dalla donazione le persone che siano, o siano state, affette da particolari disturbi, fra cui indichiamo i seguenti: malattie veneree, epatite virale, affezioni vascolari o cardiache, malattie croniche renali, ulcera gastroduodenale, diabete. Comunque, una visita medica accurata e controlli di laboratorio stabiliranno la idoneità alla donazione.

PER LA DONNA
Le caratteristiche specifiche dell’organismo femminile impongono qualche accorgimento di fronte alla donazione di sangue: per esempio, è opportuno evitare di sottoporsi al prelievo durante la mestruazione. La donna inoltre deve astenersi alla donazione durante la gravidanza e per un anno dopo il parto.

DOVE SI PUO’ DONARE IL SANGUE
Ci si deve rivolgere per avere informazioni ai Centri di raccolta o ai Centri Trasfusionali aperti nella zona. Le donazioni possono essere effettuate, per legge, ad intervalli minimi di 90 giorni e comportano il prelievo di 400-450 cc. di sangue, prontamente reintegrati dall’organismo. Occorre presentarsi a digiuno (solo caffè, thé, succo di frutta).

LA DONAZIONE IN AFERESI
L’Aferesi è una tecnica alternativa tecnologicamente più avanzata rispetto alla tradizionale donazione, che permette la raccolta selettiva di uno o più componenti del sangue ( globuli rossi-plasma-piastrine) e la restituzione al donatore di quelli non necessari per l’impiego terapeutico. La donazione in aferesi dura qualche minuto in più….ma offre numerosi vantaggi: E’ più sicura, in quanto utilizza circuiti sterili e monouso e permette la compensazione isovolemica del Donatore con soluzione fisiologica; E’ tecnologicamente più avanzata, in quanto si avvale dei separatori cellulari automatici di ultima generazione; Permette la donazione personalizzata, per emocomponente, quantità e ritmo, in base ai parametri emato-chimici del donatore ed ai suoi tempi di recupero; Permette di ottenere emocomponenti di alta qualità, plasma-piastrine-globuli rossi, di maggiore efficacia clinica; Si può prenotare, giorno ed ora; Permette una raccolta ottimale senza sprechi, in base ai bisogni dei malati e per gruppo sanguigno; Si avvale di personale specializzato dedicato, Medici ed Infermieri Professionali. Ti invitiamo a far parte del nostro gruppo di Donatori di Aferesi. La tua partecipazione è indispensabile per migliorare l’assistenza trasfusionale di Palermo, adeguandola agli standard europei più avanzati.

IL SANGUE: UN DIRITTO TROVARLO UN DOVERE DONARLO
 Ti ringraziamo per averci dedicato un po’ d’attenzione. Ci auguriamo di avere suscitato in te il desiderio di saperne di più, per esempio sulla realtà dell’Associazione: siamo a tua disposizione, in molte manifestazioni popolari e nei nostri uffici. Donare il sangue è innanzitutto un dovere civico; se sei in condizioni di farlo non aspettare; non riservare la Tua solidarietà ad un evento tragico. La necessità di sangue da trasformare è un fatto quotidiano, che diventa critico ogni volta che il sangue manca. Aimatos in collaborazione con il Servizio di Medicina Trasfusionale Azienda Ospedaliera Villa Sofia C.T.O.

mercoledì 18 ottobre 2017

Laboratorio di scrittura a cura di Beatrice Agnello - CHI SCRIVE NON È SOLO - 8 incontri, il martedì dalle 19 alle 21 nei seguenti giorni: 17 – 24 – 31 ottobre 7 – 14 – 21 – 28 novembre 5 dicembre all’Associazione Flavio Beninati, via Quintino Sella 35.

L'immagine può contenere: sMS
Laboratorio di scrittura condotto da Beatrice Agnello
CHI SCRIVE NON È SOLO

Sì, certo, quando scriviamo faccia a faccia col computer, siamo soli; ma dentro di noi vive l’esperienza del mondo che c’è fuori, con un’intensità che non ha nella maggior parte delle nostre giornate.
Ma soprattutto, come dice Natalia Ginzburg, “chi scrive sente con forza la necessità di avere degli interlocutori a cui sottoporre ciò che scrive e pensa e parlarne”.
Il nostro laboratorio è una piccola comunità in cui trovare gli interlocutori. E con loro, idee, riscontri, critiche costruttive, momenti di riflessione condivisa.

Il laboratorio,aperto sia a chi sta scrivendo qualcosa sia a chi vuole farlo ma è ancora di fronte a una pagina bianca, non è una scuola di narratologia, né di teoria o di critica letteraria (anche se elementi di tutto questo rientrano nelle nostre conversazioni). È piuttosto un luogo dove si riserva la massima attenzione a quel che ognuno, nella sua irriducibile singolarità, scrive.
Perché a chi vuole raccontare non serve tanto la teoria quanto confrontarsi con le sue stesse parole e con lettori non distratti e non sprovveduti, per non avvolgersi nelle spirali dell’autoreferenzialità e verificare se la voce della sua scrittura arriva agli altri chiara e forte. Con una forza che non ha niente a che fare con quella effimera di chi riceve molti “like” ai suoi post sui social, nella solitudine di un rapporto virtuale in cui spesso ci si incontra e ci si scontra sulla base delle leggi del branco.
Nella nostra piccola comunità amiamo che ci siano persone curiose di incontrare altre sensibilità, e cerchiamo di coltivare le parole e non le chiacchiere.

“Scrivere diventa il contrario di parlare: si parla per soddisfare una necessità momentanea immediata e parlando ci rendiamo prigionieri di ciò che abbiamo pronunciato; nello scrivere, invece, si trova liberazione e durevolezza – si trova liberazione soltanto quando approdiamo a qualcosa di durevole. Salvare le parole dalla loro esistenza momentanea, transitoria, e condurle nella nostra riconciliazione verso ciò che è durevole, è il compito di chi scrive”.
Maria Zambrano

Il laboratorio è riservato a un massimo di 14 partecipanti.

8 incontri, il martedì dalle 19 alle 21
nei seguenti giorni:
17 – 24 – 31 ottobre
7 – 14 – 21 – 28 novembre
5 dicembre
all’Associazione Flavio Beninati, via Quintino Sella 35.

Ad ogni incontro, è previsto anche l’aperitivo, con ottimo vino

Per informazioni:
-Beatrice Agnello, 345.7636855
-Associazione Flavio Beninati, 091.589598, info@flaviobeninati.net
-Libreria Modusvivendi, via Quintino Sella 79

NON E' SUFFICIENTE IL ''PARTECIPERO'' CLICCATO SU QUESTA PAGINA NE' COME PRENOTAZIONE , NE' COME ISCRIZIONE.
Per prenotazioni ed info inviare una mail all'indirizzo info@flaviobeninati.net

martedì 17 ottobre 2017

Sabato 11 e domenica 12 Novembre si terranno le selezioni su roccia e sentiero per Aspiranti Operatori di Soccorso Alpino della Stazione Palermo-Madonie del Soccorso Alpino e Speleologico Sicilia. Ai candidati sono richiesti: età compresa tra 18 e 45 anni, buona capacità di movimento in ambiente montano e su parete di roccia, conoscenza delle più elementari manovre di corda, conoscenza delle tecniche di orientamento ed utilizzo della cartografia, ottima predisposizione al lavoro di squadra.

L'immagine può contenere: una o più persone

Domenica 29 ottobre 2017 - Monte Leardo e Monte Rossella (Piana degli Albanesi, Pa) di Giuseppe Ippolito

L'immagine può contenere: montagna, cielo, spazio all'aperto e natura
Domenica 29 ottobre 2017
Monte Leardo e Monte Rossella (Piana degli Albanesi, Pa)
di Giuseppe Ippolito

Leardo è alto 1016 metri, Rossella 1029, sono due monti contigui che si specchiano sul Lago di Piana dei Greci. Leardo è anche il nome di un mantello equino, quello grigio formato da peli bianchi e neri. A Russedda, in siciliano, è il fiore del cisto, genere di piante mediterranee, molto profumate, usate per addobbare le strade in qualche paese siciliano in occasione di feste popolari. Leardo e Rossella sono due punte della stessa catena orientata est-ovest che chiude a sud l'altopiano dei monti di Palermo e Piana degli Albanesi. Formano una cresta arrotondata, morbida d'erba, molto panoramica, circondata dalle cime di Pizzuta, Kumeta, Parrino, Moarda e Busambra. Qualche lembo di bosco sempreverde si conserva sul versante settentrionale. Il percorso che intendiamo proporvi è semplice e adatto a tutti.
I nomi di questi monti, Leardo e Rossella, a leggerli insieme, profumano di leggenda d'amore, un po'come Aci e Galatea, il pastorello e la ninfa che si amarono ai piedi dell'Etna dall'altra parte della Sicilia, ma qui non c'è una leggenda collegata e possiamo solo provare a immaginarne una: Leardo, ovviamente giovane, riccio e moro, con il respiro leggero, lo sguardo languido, le mani nodose, il pensiero stanco e un fedele cavallo dal manto grigio, si innamora di Rossella, giovane anche lei, ci mancherebbe, donna selvatica, occhi berberi, pelle profumata di cisto e ginestra, un'onda di capelli in testa e animo d'artista. Lei lo ricambia, o forse no, non lo sappiamo, per cui possiamo far continuare la storia come ci pare. Se dalla loro loro unione nacquero dei figli ebbero nomi come: Giuhai, Paropino e Turdiepi, che sono i monti e le contrade immediatamente vicini a Leandro e Rossella, oppure possiamo non farli unire mai, come da migliore tragica tradizione, e trasformare il loro amore disperato in fredda grigia roccia mesozoica. Salvo episodici, postumi, magici, amplessi notturni, nella stagione di fioritura della Russedda.

Programma

Raduno in piazza John Lennon/ex Giotto alle 8,30 e partenza alle ore 8:45 con auto proprie per Piana degli Albanesi e Portella Maganoce. A piedi da Portella Maganoce per le creste di Monte Giuhai, Monte Leardo e Monte Rossella. Discesa per il versante settentrionale. Pranzo al sacco in cima al Monte Rossella. Rientro previsto per le ore 17:00 circa.

Scheda Tecnica
Dislivello: m 450 salita e discesa
Lunghezza del percorso: km 10 circa
Tempo di cammino: ore 4 circa
Natura del percorso: sterrata e sentiero.
Difficoltà: facile, un omino.

Informazioni e prenotazioni: Giuseppe 3403380245;
E' necessario comunicare la propria partecipazione alla guida.

Quota di partecipazione €8;
Contributo spese di trasporto €5 da corrispondere al proprietario dell’auto.

Artemisia, per il turismo naturalistico e culturale
www.artemisianet.it 3403380245

sabato 28 ottobre 2017 - Passeggiata nel Bosco del Cappidderi, Marineo (Pa) di Giuseppe Ippolito

L'immagine può contenere: albero, pianta, cielo, erba, spazio all'aperto e natura
sabato 28 ottobre 2017
Passeggiata nel Bosco del Cappidderi, Marineo (Pa)
di Giuseppe Ippolito

L'abate Vito Maria Amico, nel "Lexicon topographicum siculum" del 1759, descrive il "Capilleris Nemus" come vasto e folto di vegetazione arbustiva ed arborea e ricchissimo di fauna. Il suo testo in latino è tradotto in volgare un secolo più tardi dal gesuita bibliografo Gioacchino Di Marzo (1858): "Voscu di lu Cappidderi (V.M.) [Val di Mazara, n.d.r]. Si appartiene al Vescovo di Morreale, notato al num. 43 nei diplomi di questa chiesa, appresso l'antico Parco, trai territorii di Corleone, Piana e Marineo e occupa le radici della montagna Busammara. Stendesi ampiamente in gineprai, selve, cavernosi dossi, occupato da querce, elci ed altri alberi; abbonda dappertutto in porci, damme, cervi, conigli e in fiere". Il Bosco del Cappelliere indica oggi la parte più settentrionale del bosco che alligna tra il paese di Marineo, a nord, e Rocca Busambra. Il botanico Filippo Parlatore, nel 1848, riporta i toponimi Bosco del Cappidderi ed ex nemore del Cappidderi. Sulle carte dell'IGM (1968) è riportato Bosco del Cappelliero (con la o finale), mentre la denominazione dell'attuale riserva naturale regionale riporta "Cappelliere". L'origine del toponimo è piuttosto oscura: "u cappidderi" in siciliano è un produttore di cappelli (un cappellaio) raramente usato in senso metaforico come attaccabrighe. Oppure è il nomignolo attribuito ad una pianta del bosco piuttosto rara (da noi) e dai frutti a forma di cappello: il Paliurus spina-christi. Il bosco da queste parti è misto. Si intrecciano rimboschimenti di pino, eucalitto, frassino e castagno insieme a boschi e boscaglie di roverella, cerro, leccio, acero e orniello. Il terreno è una alternanza di rocce arenarie e argille dell'Oligocene ...

Programma

Appuntamento a Palermo a Piazzale John Lennon alle ore 8,20 e partenza alle 8,30 per Marineo e Base Scout AGESCI "Massariotta". Appuntamenti diversi, per chi proviene da altre città, da concordare con la guida. Anello nel Bosco del Cappidderi per Piano Rineddi, Piano Cancemi, Torre del Bosco, Cozzo Cucciddu e Piano del Salice. Pranzo al sacco proprio. Rientro a Palermo alle ore 17.00

Informazioni e adesioni: cellulare 3403380245 o email info@artemisianet.it (Giuseppe).

Dislivello: m 360 circa;
Lunghezza del percorso: km 10 circa;
Natura del percorso: sterrata e sentiero;
Difficoltà: facile, un omino;

Quota di partecipazione: €8 (gratuito per minorenni).
Contributo spese di trasporto per chi fruisce di passaggio altrui: €4

vedi anche:
http://www.artemisianet.it/cartnord.htm
https://stellarietea.blogspot.it/2017/10/bosco-e-letteratura.html

Artemisia, per il turismo naturalistico e culturale
via serradifalco, 119, Palermo; 3403380245; info@artemisianet.it

22 OTTOBRE 2017 - GLI AGRIFOGLI GIGANTI DI PIANO POMO E IL FUNGHI FEST DI CASTELBUONO

L'immagine può contenere: albero, pianta, cielo, spazio all'aperto e natura Questa settimana con Silene andremo alla scoperta di uno tra i luoghi più rari e preziosi delle Madonie, il bosco di agrifogli secolari situato a Piano Pomo, una vera e propria “cattedrale” della natura, sia per la sua unicità dal punto di vista scientifico, sia per la sacralità mistica che si respira sotto le fitte e oscure fronde di questi vetusti alberi.
Inoltre durante la nostra visita a Castelbuono protremo partecipare alla XI Edizione del Funghi Fest!
Per giungere a Piano Pomo si percorre un sentiero particolarmente suggestivo e panoramico: da Piano Sempria (1261 mslm), dove sorge il piccolo rifugio “Crispi” del Club Alpino Siciliano, cammineremo per un fitto bosco di querce (alcune di esse di dimensioni davvero considerevoli) che risalendo di quota lasciano il posto ai faggi, raggiungendo poi Cozzo Luminario (1512 mslm) per un’ appagante sosta panoramica. Con un po’ di fortuna, se la giornata risulterà tersa, potremo vedere il cono fumante dell’Etna ergersi ad est, viceversa, se la nebbia ci accompagnerà lungo il percorso, potremo godere egualmente delle suggestioni del bosco e della montagna d’autunno. La conca di Piano Pomo (1400 mslm), è occupata da prati montani e dal boschetto di agrifogli (Ilexaquifolium), la cui unicità è data dal fatto che qui il portamento degli esemplari, solitamente arbusti di modesta altezza, ha raggiunto una dimensione forse senza eguali in Europa, superando i 15 metri. Gli agrifogli di Piano Pomo sono da considerare una formazione relitta, risalente al Triassico, quando, prima delle glaciazioni pleistoceniche, questa specie aveva un ben più ampio areale.

Dopo aver goduto degli agrifogli e dei panorami,concluderemo la giornata con una visita di Castelbuono, ridente cittadina ricca di storia e monumenti come il castello dei Ventimiglia. In questi luoghi visse nel XIX secolo l’illustre naturalista siciliano Francesco Minà Palumbo a cui è dedicato anche il museo naturalistico (liberamente visitabile). Inoltre durante la nostra visita a Castelbuono protremo partecipare alla XI Edizione del Funghi Fest, manifestazione che si svolge lungo il centro storico della cittadina madonita, dove sarà possibile degustare piatti a base di funghi e di dolci tipici con un buon bicchiere di vino locale.

DOVE COME QUANDO

Percorso in gran parte su sentiero, alcuni tratti su stradella forestale.
Difficoltà: escursione facile. Lunghezza: 7 km circa.
Dislivello complessivo: 300m circa
Tempo di cammino: circa 4 ore pause comprese

Cosa portare: si consigliano scarpe da trekking comode e abbigliamento sportivo adatti al clima del periodo, incluso indumenti e/o accessori per la pioggia. Zaino con le provviste per il pranzo al sacco.


Raduno alle ore 8,00 a Piazzale Lennon/Giotto (pressi terminal AST) e partenza con mezzi propri.


Quota di partecipazione: Adulti 8 €; studenti universitari delle facoltà scientifiche e ragazzi da 11 a 18 anni, 5 €. I bambini fino ai 10 anni sono nostri ospiti.

Contributo carburante:Il contributo carburante per lo spostamento in auto è stimato di 25€ a equipaggio
PER INFORMAZIONI:
CALOGERO: 3331526549. calogero@silenecoop.org

20 / 22 ottobre - Castelbuono Funghi Fest

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

21-22 ottobre - 28-29 ottobre - Il tartufo tra i sapori d'autunno a Capizzi

L'immagine può contenere: fiore e sMS