giovedì 16 febbraio 2017

Fino al 12 marzo : Bam – Biennale Arcipelago Mediterraneo: le arti incantano Palermo - Bam – Biennale Arcipelago Mediterraneo, taglio del nastro a Palermo per la manifestazione culturale.


La presentazione delle video installazioni dell’artista egiziano Wael Shawky, alla chiesa dei SS.Euno e Giuliano, “Al Araba Al Madfuna III”, e a Palazzo Branciforte, “Cabaret Crusades. The path to Cairo” hanno inaugurato la serie di eventi legati a BAM, la prima Biennale Arcipelago Mediterraneo, che fino al 12 marzo coinvolgerà, in varie sedi e con varie attività, l’intera città di Palermo.
Wael Shawky, vincitore a Torino della prima edizione del Mario Merz Pize, è un artista che ha dato voce alle crociate e alla cultura poetica araba, hanno spiegato le curatrici Beatrice Merz e Laura Barreca, offrendo un punto di vista narrativo non occidentale e fornendo, altresì, una visione trasversale sulla complessa situazione geo-politica contemporanea da cui dipendono gli equilibri non solo del Mediterraneo, ma dell’Europa e del mondo intero.
Partendo da fatti storici e racconti riportati in alcuni testi arabi l’artista realizza dei filmati, a cavallo tra la forma del documentario e il film d’animazione, in cui gli attori sono spesso bambini, o marionette talvolta, resi feroci interpreti dei fatti storici trattati.

Bam – Biennale Arcipelago Mediterraneo, gli appuntamenti

Non solo eventi legati all’arte per Bam – Biennale Arcipelago mediterraneo, ma anche mostre, proiezioni, itinerari e dibattiti con esponenti della cultura italiani e stranieri si alterneranno nel fitto calendario, consultabile sulla pagina facebook, allestito tenendo presente l’unico filo conduttore della biennale ovvero il dialogo, il confronto e l’integrazione tra i 19 paesi che si affacciano sul Mediterraneo.
La città di Palermo, dunque, centro nevralgico di un crocevia di popoli e culture, lingue e tradizioni, linguaggi e innovazione, non poteva che essere nodo centrale e promotore dell’iniziativa.
“Sono molto contento nel presentare questo progetto – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – perché più che la cultura artistica vogliamo promuovere fortemente la cultura dei diritti, primi fra tutti quelli umani e dell’accoglienza, in questa occasione che rappresenta solo il primo passo di una serie di eventi che sono già proiettati al 2018”.
Tutte le manifestazioni sono ad ingresso libero.  Il ricavato del contributo di 1 euro richiesto per le visite ai dieci luoghi de le Vie dei Tesori, sarà utilizzato per il progetto di restauro di un bene monumentale della città che verrà scelto attraverso i social networks dagli stessi cittadini.
info: http://siciliaweekend.info

Nessun commento:

Posta un commento

ciao. lascia il tuo commento, sarà pubblicato al più presto. grazie