venerdì 25 maggio 2018

03 giugno 2018 - Montagna in fiore a Geraci Siculo


Domenica 27 maggio sarà presentato il libro “Avanti mafia!” (edizioni ACFB-Corsiero) a firma di Saverio Lodato, giornalista, scrittore ed editorialista per ANTIMAFIADuemila presso Biblioteca Casa Professa piazza casa professa,1, 90134 Palermo

L'immagine può contenere: 1 persona, testo
Domenica 27 maggio sarà presentato il libro “Avanti mafia!” (edizioni ACFB-Corsiero) a firma di Saverio Lodato, giornalista, scrittore ed editorialista per ANTIMAFIADuemila.

All'evento, organizzato dall'Associazione culturale Falcone e Borsellino, interverranno insieme all’autore, PIF, attore e regista, Nino DI MATTEO, sostituto procuratore nazionale antimafia, che firma la prefazione del libro, gli attori Lunetta SAVINO e Carmelo GALATI, il sindaco di Palermo Leoluca ORLANDO e Giorgio BONGIOVANNI, direttore di ANTIMAFIADuemila.

2012-2018. Anni di fatti, inchieste, stravolgimenti politici, promesse, rivelazioni ed evoluzioni. Anni di mafia e di antimafia.
Un fenomeno quello della criminalità organizzata che, nonostante gli arresti continui, resiste da oltre centocinquant’anni di storia d’Italia. Un fenomeno che mostra sempre più quei sintomi, fino quasi a confondersi con quell’altra metastasi chiamata corruzione. Lo dicono gli addetti ai lavori e lo dimostrano i numeri. In questo spazio-tempo si inserisce l’occhio dell’osservatore esterno che si trova ad analizzare gli accadimenti.
La penna è quella di Saverio Lodato che di questi temi, con analisi spesso spietate, si è occupato a lungo nella propria carriera di giornalista e scrittore.
È così che nasce questa raccolta di articoli. È l’occasione per offrire un punto di vista ulteriore, magari “controcorrente” su argomenti sempre più spesso accantonati dal grande mainstream. Un modo per ribadire che ad oltre vent’anni dalle stragi che hanno insanguinato il Paese nei primi anni Novanta, c’è ancora molto da fare e che “antimafia” non è una parola morta. Perché, come spiega lo stesso Lodato “il bello non è scrivere per scrivere. Il bello è scrivere per scrivere ciò che si pensa”.

La conferenza sarà trasmessa in diretta streaming.

L'ingresso è libero.

Info: www.antimafiaduemila.com - 091.6684590 / 0734.277448

dal 26 maggio al 2 giugno 2018 - Festival "Orto in arte" all'Orto Botanico di Palermo Via Lincoln 2, 90113 Palermo, Italia, 90133 Palermo

L'immagine può contenere: testo
Festival "Orto in arte" all'Orto Botanico, dal 26 maggio al 2 giugno 2018
„Conferenze, tavole rotonde, concerti, spettacoli serali, danza, workshop, laboratori e mostre che trasversalmente intrecciano artigianato, arti visive e performance, con ospiti provenienti da vari Paesi del mondo. Ma anche gruppi di studio, con l’intento di ampliare e arricchire l’esperienza vissuta. C’è tutto questo in “Orto In Arte”, il festival internazionale in programma dal 26 maggio al 2 giugno all’Orto Botanico di Palermo, ideato e diretto dall’imprenditrice Margarida Tavares con la collaborazione di Carmelo Samonà (medico ad orientamento antroposofico, membro del Collegio di Presidenza della Società Antroposofica in Italia) e contributi per l’ideazione e consulenza artistica di Lara Pedilarco, euritmista, ideatrice dell’installazione Terra Io Sono, riunione di terre e di acque provenienti da diversi luoghi e Paesi del mondo. Il festival è organizzato da “Rinascita 18” società benefit, in collaborazione con Il SiMuA, Sistema Museale d’Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo, nell’ambito delle manifestazioni di “Palermo capitale italiana delle cultura 2018”.

Domenica 27 maggio 2018 - Camminata per raccolta materiali e reperti lungo la Costa Sud* · Organizzato da Vito Priolo Architect

L'immagine può contenere: spazio all'aperto, natura e acqua
Come sapete la formazione delle “spiagge” presenti lungo la Costa Sud, è relativamente recente (1960/90) ed è avvenuta attraverso un prolungato evento catastrofico, costituito dallo spargimento dei materiali di scavo, di demolizione e di rifiuto - prodotto dall’azione delle correnti marine - accumulati in tre punti, eletti paradossalmente a discarica: la foce dell’Oreto, Romagnolo e il cosiddetto “mammellone” ad Acqua dei Corsari.
Il nostro intento è raccogliere una campionatura di materiali diversi. L’area di ricerca è l’intera Costa Sud, dal fiume Oreto ad Acqua dei Corsari.
Pensiamo che la raccolta possa essere l’oggetto di un'azione urbana che si manifesta attraverso una camminata lungo la costa.
La “camminata” genera una condizione di osservazione che permette di individuare anche veri e propri reperti.
La nostra convinzione, a monte di questa operazione, è che materie diverse, ora presenti in forma caotica, se separate e ordinate, intanto possono dare luogo ad una sorta di tassonometria dell’archelogia del moderno, inoltre possono essere riconosciute come materie prime utilizzabili per vari scopi, o materie ricliclabili attraverso procedimenti tecnologici che ne permettano l’utilizzazione.
Inoltre conoscere concretamente - attraverso la raccolta e la selezione - la composizione dei materiali riversati, genera una diversa consapevolezza riguardo alla natura catastrofica della costa e alle sue potenzialità, soprattutto tra le persone più giovani.
La maggior parte di essi infatti non sospetta che sotto la coltre delle nuove spiagge si nasconde una più vicina e antica costa di scogli.

I materiali da raccogliere sono presumibilmente:
-sabbioni di grana varia
-terriccio vegetale
-ciottoli di dimensione varia
-frammenti di cotto
-frammenti di ceramica
-frammenti o pezzi di calcestruzzo (cemento)
-frammenti di marmo
-frammenti di altri tipi di pietra (calcarea, graniti,…)
-metalli di vario tipo
-elementi di spoglio (preformati, cioè già lavorati e utilizzati in una costruzione, contemporanea o storica)
-frammenti di legno, di cuoio, di gomma
-oggetti e/o frammenti di materiali plastici di diverso tipo
-altro...

Inoltre nell’area, in assenza di vere e proprie operazioni di governo e cura della vegetazione, compaiono già da molti anni, molte piante erbacee che, se lasciate proliferare, producono condizioni ambientali via via più adatte alla crescita
di forme vegetali più evolute.

Le forme vegetali da raccogliere sono presumibilmente:
-piante pioniere

Attrezzatura elementare:
-n°1 borsa resistente (da supermercato) ciascuno
-n°1 paio di guanti da giardiniere
-qualche piccolo attrezzo da giardinaggio (paletta e/o zappetta)

Per chi volesse partecipare alla camminata un primo appuntamento è domenica 27/05 alle 10 del mattino sul marciapiede davanti al Padiglione Florio del tiro a volo.

Arch. Roberto Collovà
Assistente Arch. Vito Priolo

* La camminata è uno dei passaggi di una ricerca che da anni Roberto Collovà sta conducendo sulle coste e sui potenziali parchi della città di Palermo, il cui nucleo tematico è condensato nel volume: "La strada di costa, i parchi nascosti", Marsilio, Venezia 2015.

Domenica 27 Maggio, la Cooperativa Silene vi guiderà in una località per noi inedita: la Rocca di Cefalù (268 m.), la rupe che sovrasta l’omonimo centro normanno e su cui è ubicato un importante sito archeologico, organizzato da Cooperativa Silene Via D'Ondes Reggio 8/A, 90127 Palermo

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua
Domenica 27 Maggio, la Cooperativa Silene vi guiderà in una località per noi inedita: la Rocca di Cefalù (268 m.), la rupe che sovrasta l’omonimo centro normanno e su cui è ubicato un importante sito archeologico.
Il percorso parte dal centro urbano, dove attraverso casette e viuzze arriveremo all'ingresso del parco archeologico, storico e naturalistico della Rocca. Qui ci aspetterà un scalinata che, attraversando una pineta, termina con quella che è la porta d'ingresso del complesso. Continueremo quindi a risalire sulla Rocca, questa volta sulla roccia viva, attraversando un ambiente ricco di vegetazione erbacea come asfodelo, ferula, cavolo selvatico, asparago, fino a giungere in un'area anticamente adibita a magazzini, con forni e cisterne. Qui sorge anche la chiesa di Sant’Anna e, poco oltre, tempio di Diana, struttura megalitica risalente al IX secolo a.C. e legata al culto dell'acqua. Con l'ultimo tratto in salita giungeremo fin sulla vetta, arrivando dentro i ruderi del castello, l'antica fortezza normanna. Nel tratto in discesa lambiremo le casermette e le mura di fortificazione che circondano l'intero complesso, qui il panorama ci offre una bellissima vista sulla spiaggia sottostante, fatta di scogli e ciottoli, sul porto di Cefalù, ma anche sui complessi montuosi di Madonie e Nebrodi. Ritornati al punto di partenza, faremo un tour urbano di un paio d'ore nella cittadina di Cefalù, dove visiteremo il centro storico con il suo Duomo, il lavatoio medievale, il porticciolo, fino al lungomare dove chi vuole può rilassarsi con un bagno nelle limpide acque.

COME DOVE QUANDO

Difficoltà: facile. L’escursione è prevalentemente su comode stradelle e sentieri, ben tracciati. Solo un breve tratto in discesa può presentarsi scivoloso in caso di pioggia.
Lunghezza: km 6 circa
Tempo di percorrenza: 4 ore circa, soste incluse.
Dislivello: 250 m. circa.

Raduno Domenica 27 Maggio alle ore 9:00 alla stazione centrale di Palermo.Partenza con il treno delle ore 9:38.
Ritorno con il treno delle 16:38, arrivo a Palermo alle ore 17:29.

Si raccomanda la puntualità, sopratutto per acquistare i biglietti, prima che il treno parta.

COSTI
Quota di partecipazione: La quota di partecipazione è di 8€ a persona; 5€ per studenti universitari e per i ragazzi da 12 a 18 anni
Viaggio in Treno: Prezzo del singolo A/R 11,20€.
Biglietto di entrata per la Rocca di Cefalù 4€, 3,60€ se saremo più di 20 partecipanti. Si consiglia di preparare prima i soldi in quanto la macchinetta non dà il resto.
Cosa portare: si consigliano scarpe da trekking, abbigliamento sportivo adatto al clima, zaino con le provviste per il pranzo al sacco e eventuale costume per il bagno a mare.

Vi preghiamo di comunicare per tempo l’eventuale disdetta, il vostro posto potrà così essere occupato da altre persone rimaste escluse.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI:
Giuseppe Mascarello: 3889390837 - giuseppe.mascarello@gmail.com
Simone Costa: 3208789714 - cstsmn@hotmail.com

25 maggio 2018 - La mia ultima donazione di sangue


 donate sangue......donerete VITA.

CARATTERISTICHE DEL SANGUE
Il sangue è un tessuto liquido che rappresenta circa l’8% del peso corporeo e che adempie a svariate funzioni vitali. Esso si compone essenzialmente di una parte liquida, plasma e di una parte corpuscolata, globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. In base a particolari sostanze presenti sulla superficie dei globuli rossi il sangue si differenzia in 4 tipi fondamentali: gruppo A, gruppo B, gruppo AB, gruppo O(zero). Ognuno di questi gruppi è definitivo positivo o negativo dalla presenza o meno del “fattore RH”.




PERCHE’ IL DONO DEL SANGUE
In tutti questi casi c’è bisogno di sangue. Per averne disponibilità ai fini terapeutici, è necessario che, chi è in buone condizioni di salute, spontaneamente ne dia un po’ del suo. Tale atto è un dovere civico e come tale deve essere gratuito; nello stesso tempo è una scelta intimamente personale e perciò deve essere volontario.

CHI PUO’ DONARE IL SANGUE
Può donare il sangue chiunque goda di buona salute, abbia un’età compresa fra i 18 e i 65 anni e pesa almeno 50 Kg. Sono escluse dalla donazione le persone che siano, o siano state, affette da particolari disturbi, fra cui indichiamo i seguenti: malattie veneree, epatite virale, affezioni vascolari o cardiache, malattie croniche renali, ulcera gastroduodenale, diabete. Comunque, una visita medica accurata e controlli di laboratorio stabiliranno la idoneità alla donazione.

PER LA DONNA
Le caratteristiche specifiche dell’organismo femminile impongono qualche accorgimento di fronte alla donazione di sangue: per esempio, è opportuno evitare di sottoporsi al prelievo durante la mestruazione. La donna inoltre deve astenersi alla donazione durante la gravidanza e per un anno dopo il parto.

DOVE SI PUO’ DONARE IL SANGUE
Ci si deve rivolgere per avere informazioni ai Centri di raccolta o ai Centri Trasfusionali aperti nella zona. Le donazioni possono essere effettuate, per legge, ad intervalli minimi di 90 giorni e comportano il prelievo di 400-450 cc. di sangue, prontamente reintegrati dall’organismo. Occorre presentarsi a digiuno (solo caffè, thé, succo di frutta).

LA DONAZIONE IN AFERESI
L’Aferesi è una tecnica alternativa tecnologicamente più avanzata rispetto alla tradizionale donazione, che permette la raccolta selettiva di uno o più componenti del sangue ( globuli rossi-plasma-piastrine) e la restituzione al donatore di quelli non necessari per l’impiego terapeutico. La donazione in aferesi dura qualche minuto in più….ma offre numerosi vantaggi: E’ più sicura, in quanto utilizza circuiti sterili e monouso e permette la compensazione isovolemica del Donatore con soluzione fisiologica; E’ tecnologicamente più avanzata, in quanto si avvale dei separatori cellulari automatici di ultima generazione; Permette la donazione personalizzata, per emocomponente, quantità e ritmo, in base ai parametri emato-chimici del donatore ed ai suoi tempi di recupero; Permette di ottenere emocomponenti di alta qualità, plasma-piastrine-globuli rossi, di maggiore efficacia clinica; Si può prenotare, giorno ed ora; Permette una raccolta ottimale senza sprechi, in base ai bisogni dei malati e per gruppo sanguigno; Si avvale di personale specializzato dedicato, Medici ed Infermieri Professionali. Ti invitiamo a far parte del nostro gruppo di Donatori di Aferesi. La tua partecipazione è indispensabile per migliorare l’assistenza trasfusionale di Palermo, adeguandola agli standard europei più avanzati.

IL SANGUE: UN DIRITTO TROVARLO UN DOVERE DONARLO
 Ti ringraziamo per averci dedicato un po’ d’attenzione. Ci auguriamo di avere suscitato in te il desiderio di saperne di più, per esempio sulla realtà dell’Associazione: siamo a tua disposizione, in molte manifestazioni popolari e nei nostri uffici. Donare il sangue è innanzitutto un dovere civico; se sei in condizioni di farlo non aspettare; non riservare la Tua solidarietà ad un evento tragico. La necessità di sangue da trasformare è un fatto quotidiano, che diventa critico ogni volta che il sangue manca. Aimatos in collaborazione con il Servizio di Medicina Trasfusionale Azienda Ospedaliera Villa Sofia C.T.O.

martedì 22 maggio 2018

FOTOGRAFIA: Album n.33 (144 scatti)


















































Piazza Pretoria

Corso Vittorio Emanuele

Cupola dell'Oratorio di SS. Salvatore

Cupola dell'Oratorio di SS. Salvatore

Cattedrale