lunedì 1 luglio 2013

LIBRI: "La filosfia in cinquanta favole" di Ermanno Bencivenga - oscarmondadori

La filosofia in cinquantadue favole
Un giorno, chissà come, nacque un uomo immortale. Ossia: poteva morire se voleva, bastava che bevesse l'acqua delle Fonti Maligne, ma poteva anche non morire, e questa era una gran fortuna. Cosi almeno pensavano i suoi amici e parenti, che non la smettevano di congratularsi con lui. l'uomo immortale crebbe, si trovò un lavoro, si sposò ed ebbe dei figli. E visse felice e contento, per un pò. Poi intorno a lui la gente cominciò a morire: tutti quelli che conosceva, e sua moglie e i suoi figli, sparirono uno dopo l'altro. C'era gente nuova in giro adesso, e l'uomo immortale ovette cominciare daccapo: risposarsi, avere altri figli, farsi altri amici. Ogni volta che incontrava qualcuno, doveva raccontagli tutta la sua storia dall'inizio, perché quelli che la storia la sapevano non c'erano più, ed era una lunga storia, e diventava più lunga di giorno in giorno. E sempre più l'uomo immortale pensava che non valesse la pena di raccontarla, perché tanto anche questo nuovo amico di un anno o di un'ora avrebbe finito per sparire. E sempre meno gli riusciva di sopportare la paura e la rabbia che leggeva negli occhi dell'altro. Una sera d'estate l'uomo immortale si recò alle Fonti Maligne, si sedette di fronte l'acqua che scorreva e passò ore a contemplarla. In realtà non la vedeva affatto: pensava invece a quella sua vita implacabile. Quando infine si alzò, si chinò e bevve, i pochi curiosi li intorno si guardarono perplessi. E anche gli altri, quando la notizia si diffuse nelle grandi città affollate di rabbia e di paura, non seppero darsene ragione. "Luomo immortale" tratto dal libro "La filosfia in cinquanta favole" di Ermanno Bencivenga - oscarmondadori

LIBRI: L'amico ritrovato di Fred Uhlman - Feltrinelli


L'amico ritrovato di Fred Uhlman - collana universale economica Feltrinelli. Dedicato a tutti quelli che quotidianamente usano impropriamente la parola "Amicizia"

LIBRI: Sull'amore di Hermann Hesse - Oscar Mondadori


"Amore è ogni moto della nostra anima in cui essa senta se stessa e percepisca la propria vita" tratto dal mio ultimo libro "Sull'Amore" di Hermann Hesse - Oscar Mondadori, una serie di brani raccolti dall'autore che meglio esprimono il pensiero sul sentimento d'amore.

LIBRI: Il Cammino di Santiago di Paulo Coelho - Bompiani editore


"Quando si va verso un obiettivo, è molto importante prestare attenziopne al Cammino. E' il cammino che ci insegna sempre la maniera migliore di arrivare, e ci arricchisce mentre lo percorriamo". Il Cammino di Santiago di Paulo Coelho - Bompiani, racconta il viaggio del narratore ed autore Paulo lungo il sentiero dei pellegrini che conduce a Santiago di Compostela, in Spagna. In compagnia della sua guida spirituale, il misterioso ed enigmatico Petrus, Paulo affronta una serie di prove ed esercizi, incontra figure che mettono a repentaglio la sua determinazione e la sua fede, schiva insidiosi pericoli e minacciose tentazioni, per ritrovare la spada che gli permetterà di diventare un Maestro Ram. Il Cammino, realmente percorso da Paulo Coelho, nel 1986, diventa cosi un luogo letterario di un ispirato romanzo d'avventure che è nello stesso tempo una affascinante parabola sulla necessità di trovare la propria strada nella vita.

POESIA: PRUCISSIONI RU CRUCIFISSU (poesia di Maria Teresa Romano)



A PRUCISSIONI RU CRUCIFISSU

Na bedda matinata
a terza ruminca ri settembri,
mentri tutti eramu ancora
cuicati e addumisciuti,
tuttu n’siemula, si sienti un scrusciu ri n’arburata
c’arruspigghiannu, annunziava
c’a chidda era a solenne iurnata
a processione ru Crucifissu dedicata.

Ogni cristianu chi senti stu fragore
prova na scossa proprio n’o mienzu u cuori,
picchì a ruspigghiarisi un’è sulu u cuori,
ma puru l’immenso amuri
ca ognugnu ri nuavitri avi pu Signuri.

Accussi, duoppu a missa cantata
Unni tutta a popolazione, canta e pria,
rintra a chiesa radunata,
arriciviennu a santa binirizioni,
ra missa niesci , mentri a banda
a solita canzuni suona.

E navutra masculiata ni fa
Ricurdari
Ca no tairdu pomeriggiu, pa
Prucissioni,
amu a riturnari.

Quannu e seu turnamu rintra a
Chiesa,
truvamu tutti i banchi scunsati
pi accoglieri i fedeli e i confrati;
iddi si carricanu a vara cu
Signuri
Cuntriti e emozionati
E ittannu na gran vuci
Ca L’acclama sempri e spissu,
niescinu na strata u Santissimu Crucifissu.

U signuri dall’alto ra so cruci pari ca rici:
-Amunì, iamunni a fari sta passiata
Pi biriri comu stà popolazione è cumminata.
Voggliu capiri si n’mienzu
A sta confusione d’umanità,
attecchisci a pianta ri l’amuri
o l’ierba ra malvagità;
si sti  figghi, pi cui rietti a me vita,
sunnu virtuosi o cu l’ailma smarrita.

E ‘ncuntrannu un pugnu ri picciuttieddi
Spicciati a fiesta,
s’adduna e si scunfuoirta
pi chiddu c’annu n’tiesta.
Ancora su nichi eppuru già pensanu sulu
A sciarriarisi e prevaricari,
nienti sapennu ca l’unica vita c’aviemu,
un n’a putiemu pigghiari a iucari.

E, u Signuri, taliannu sopratuttu
Unu ri sti picciotti pari ricissi:
-Si tu sapissi zuoccu putievi addivintari,
n’avissi un currivu ca mancu tu po’ nmagginari.
Un ti mancavanu biddizzi,
né cirivieddu pi pinsari,
né pugnu fiermu pi fariti attintari.
Eppuru tutti sti talenti i mittisti o serviziu
Ri du maleficu patruni
Ca ri fari minnitti avi u viziu.

E, accussi, cuntinuannu a caminari, u Signuri,
gioie e rulura continuava a ‘ncuntrari.

C’è na famigghia cu na giovani sposa,
ca rientra u so cori sairba n’a vita preziosa.

Ci sunnu vicchiareddi c’a sunnu a felicità
Ri figghi e niputi ri tutti l’età.

C’è cu è sulu e abbannunatu,
e cu amorosamente sirbutu e cunsulatu.

C’è cu chianci e si rispera pi cuosi tuorti,
e cu, inveci, affronta, cu curaggiu, puru a muorti.

O giovanotto ca ci siddia a studiari,
u Signuri, affirrannulu p’aricchi, pari sussurrari:
-Cierca ri iri a scuola bacchittuni,
picchi un ti fici nasciri pi stari a gnuni,
ma pi rapiriti l’uocchi e fariti capiri
chiuddu chi ci vuoli pi, cristianamenti, campari.

Insomma, pi falla brevi, pi strati ru munnu
C’è a solita esistenza,
ri cui nuddu ri nuatri ni po’ fari senza.
E, accussi, duoppu aviri, no so cori,
arricugghiutu tutti i preghieri e i patimenti,
u Crucifissu ritorna na  so casa
accumapagnatu ra fede ri tutti i genti.

U iuocu di fuocu, a fini ra iurnata,
s’adduma, risplende e poi s’astuta,
accussì comu a stessa cuosa
capita pà nostra vita.

Siemu a stu munnu pi nu brevi passaggiu,
ca puru ca campamu assai, pari un assaggiu.
E sulu l’amuri ru Signuri runa dignità
A vita ri so figghi chi fannu a so volontà.

Maria Teresa Romano (marzo 2013)

LIBRI: Il conto delle minne di Giuseppina Torregrossa - OscarMondadori


Dalla ricetta delle cassatelle siciliane a forma di seno, le minne di Sant’Agata, lasciata in eredità dalla nonne Agata alla nipote Agatina, parte la rievocazione della grande storia di due famiglie siciliane e delle loro donne. Per ognuna di loro le minne che portano sul petto hanno un significato speciale: grandi o quasi assenti, aride o feconde, amate senza pudore o trascurate da uomini disattenti, sane o ammalorate, esse diventano la chiave per svelare i piu’ intimi segreti della loro femminilità.

POESIA: La Carcocciula di Nino Ardizzone


Pista, li viddaneddu n'tà la crita
mmezzu la terra tutta abrivirata
cu li pidduzzi dintra la stivali
pista e caddia, mmezzu li vattali.

lu suli cannalia forti ed è cucenti
e l'omu curvu sutta la calura
si chianta l'ova, soffri e un dici nenti
tuttu nfangatu e chinu di sudura.

La terra nfoca e scatta lucardunu
mittennu ncapu terra lu gigghiuni
prosparu, beddu, chinu di bardazza
chi tra 'nnabrivirata e 'nna zappata
metti ad ognunu 'npettu la spiranza
c'un fussi chista natra malannata.

C'un mancia carcocciuli un ci cridi
ma la cardunera chianci,
la cardunera ridi
e ridi e chianci chiddu chi la chianta
chi prea lu cristu cu 'nna pacenza tanta.

ognunu a lu modu sò e la sò manera
'paviri chi ti chiantà tuttu sudatu
ora ti cogghi prestu la matina
tuttu finu a lu cintu assampanatu
di li tò foghi chini d'acquazzina
e 'nti la facci senti 'nna vampata
quannu triva ka triffa addisirata.

Cu tia la vita è veramenti dura
ma quannu finisci poi 'nti la pignata
ognunu chi ti mangia t'assapura
fritta a stufatu o fatta strapazzata.

E 'nta lu munnu nunnasisti cocu
chi 'nun ti fa arrustuta n'ta lo focu
cu anticchia d'oghiu e un pizzicu di sali
si megghiu di la carni di maiali.

li pitalicchi comu nnà rosa
virdi, viola di beddi culuri
quannu li metti mmucca su dda cosa
chi dunanu a la vita lu sapuri.

Duci è lu trunzu, e la cosca vidè
ma arrivatu a lu cori
è muccuni di re.

Domestica, viola o spinusedda
di li verduri tu si la chiù bedda
però cu tia la vita è sempri dura
si un veru gran misteru di natura.


LIBRI: NIETZSCHE - Umano troppo umano - Economici Newton


Con questo libro Nietzsche sentì di avere compiuto «un vero progresso –, verso me stesso», collegato innanzitutto al suo graduale svincolarsi dalle due esperienze decisive della sua giovinezza: la filosofia di Schopenhauer e l’arte di Wagner. Liberazione necessariamente dolorosa, per cui queste pagine possono anche essere viste come «il monumento di una crisi». Ma anche percorso segnato da scoperte sorprendenti, dal momento in cui tutta una serie di impulsi conoscitivi, accantonati o repressi per la vicinanza di Wagner e del suo ambiente, vengono lasciati liberi di espandersi in una meditazione solitaria

LIBRI: "Chi ha paura dei cinesi" di Lidia Casti e Mario Portanova - Bur editore

per conoscere meglio i cinesi che vivono e lavorano in Italia

LIBRI: "L'arte di correre sotto la pioggia" un bestseller scritto da Garth Stein - Piemme editore

capitolo tratto dalla mia ultima lettura: "L'arte di correre sotto la pioggia" un bestseller scritto da Garth Stein - Piemme editore.

Ayrton Senna non doveva morire.
Mi venne in mente di colpo quella sera mentre, gemendo per il dolore, ero sdraiato sul sedile posteriore della macchina di Denny sulla strada per la clinica veterinaria. Mi venne in mente così, di punto in bianco: sul circuito del Gran Premio di Imola, alla curva Tamburello, Senna non doveva morire. Avrebbe potuto ritirarsi.
Sanato, il giorno prima della corsa, Rubens Barrichello, amico e protetto di Senna, era rimasto gravemente ferito in un incidente. Un altro pilota, Roland Ratzenberger, era morto nel corso delle prove. Senna nutriva forti dubbi sulla sicurezza del tracciato. La domenica, il giorno della gara, aveva passato la mattinata a radunare gli altri piloti per cercare un nuovo comitato per la sicurezza ed era stato eletto a capo del gruppo.
Dicono che fosse molto indeciso se disputare la gara, il Gran Premio di San Marino, e che stesse prendendo in seria considerazione l’idea di smettere di correre proprio quella domenica mattina. Per poco non smise. Per poco non si ritirò. Ma non lo fece.
Gareggiò, quel fatale primo giorno di maggio del 1994. E quando la sua vettura non sterzò alla fatidica curva Tamburello, nota per essere estremamente veloce e pericolosa, ma uscì di pista a circa trecento chilometri all’ora andando a schiantarsi contro una barriera di cemento, lui morì sul colpo, ucciso dal frammento di una sospensione che gli perforò il casco.
O morì a bordo dell’elicottero che lo portava in ospedale. O sulla pista, dopo essere stato estratto dalle lamiere. Enigmatico, Ayrton Senna, nella morte come nella vita. A oggi, le circostanze della sua morte sono ancora molto controverse. La sequenza filmata della telecamera di bordo scomparve misteriosamente. I resoconti della sua morte erano contrastanti. Entrarono in ballo le politiche della Fédération Internationale de l’Automobile. Va detto che in Italia, se un pilota muore in pista, vengono subito avviate le indagini sulla morte, e la corsa viene sospesa. Va detto che se una corsa venisse sospesa a quel modo, ci rimetterebbero tutti un sacco di soldi, FIA, sponsor, circuito, televisione e via dicendo. Il commercio ne soffrirebbe. Mentre il pilota se il pilota dovesse morire in elicottero, per esempio in viaggio verso l’ospedale, la corsa potrebbe proseguire.
Va anche detto che la prima persona a raggiungere Senna dopo lo schianto, Sidney Watkins, dichiarò. <>.
Qual è la verità sulla morte di Ayrton Senna, che aveva solo trentaquattro anni? Io la so e adesso ve la dico. Fu ammirato, amato, acclamato, omaggiato,, rispettato. Nella vita come nella morte. Ayrton Senna è, è stato e sarà sempre un grand’uomo.
E’ morto quel giorno perché il suo corpo aveva assolto il suo compito. La sua anima aveva fatto quello che era previsto facesse, imparato quello che era previsto imparasse, e a quel punto era libera di andarsene. E mentre Danny mi portava a tutta velocità dal medico che mi avrebbe rimesso in sesto, io sapevo di non aver ancora portato a termine quanto mi ero ripromesso di portare a termine qui sulla terra, di non aver ancora imparato tutto quello che dovevo imparare, altrimenti sarei sceso dal marciapiede un attimo dopo e la macchina mi avrebbe ucciso all’istante. Ma non ero morto. Perché non avevo ancora finito. Avevo ancora del lavoro da fare.porno, seno, sexy.

LIBRI: Steve Jobs by Walter Isaacson - Mondadori

La biografia di Steve Jobs potrebbe offrire nuove sorprese con le edizioni future: l’autore Walter Isaacson ha annunciato possibili progetti per arricchire il già corposo volume di oltre 600 pagine con nuovi episodi della vita del co-fondatore di Apple, approfondimenti e anche annotazioni.

VIDEO: Tributo a Steve Jobs (video)

Discorso ai neolaureaati di Stanford di Steve Jobs 2005 su With or without you - U2

POESIA: A festa ri morti

 
A festa ri morti
Mi ricordo ca nzemmula a me matri java o campusantu
ha purtaricci i ciuri a nanna e a me ziu Santu
me matri mi ricia fai u bravu e pria e nanni ca ti portanu i rialeddi
E io picciridduzzu c’addumannava i giocattoli, i scarpi e i vistiteddi.
‘Ntà tutta a città c’eranu tanti bancareddi
giocattoli, pistuoli, ri zorro e sceriffu vistiteddi
carrozzelli bambole e vistiti ri principissi, ‘pi fimmineddi,
a sira prima ra festa mi java a curcari,
e giocattoli mitteva a pinzari e sonnu un putia pigghiari
e iu picciriddu tuttu accupunatu chi cuperti mi cummigghiava
me matri a grattarola pigghiava e ammucciava
e mi ricia hannu a veniri i morti
a purtari i giocattoli e siddu, arruspigghiatu mi truvavanu
ca grattarola i peri mi grattavanu
e mancu giocattoli mi lassavanu
a matina appena agghiurnava mi susia e java a taliari
i vistiteddi e pistuoli ca i morti m’avevanu a purtari
e ccù l’occhi sbarrachiati taliava tuttu alluccutu dda tavula cunzata
pu priu cuminciava a fari cazzalatummuli e a me matri ci rava na vasata
viria ddu beddu cannistru, ca pupaccena, marturana, viscotti
cioccolattini, murtidda, castagni, mennuli, nuci e ossa ri morti
Poi viria i jochi e vistiteddu, ca iu vulia
Ca primura di iri a ghiucari mi vistia
E pa cuntintizza mancu culazioni facia
Nzemmula all’amici jucava ‘nmezzu la strata
Picciriddi vistuti ri zorro principi e di pirata
E iu cu vistideddu ri sceriffu, ca pistola stivali e cappeddu
Ca stidda ‘nto pettu, cu passava riceva: stu picciriddu che beddu
pareva u Jonn Wayne ra burgata
tuttu muntatu mi sintia u patruni ra strata
nni pigghiavamu a pistulittati cu chiddi ri l’avutri strati
Mentri cantavumu lu ritornellu
“ Talè chi mi misiru i morti, u pupu cu l’anchi torti
a Jatta chi sunava e u succi c’abballava,
passa la zita ca vesta ri sita,
passa lu baruni chi cavusi a pinnuluni “.
l’ura ru schiticchiu si faceva
e me matri i muffuletti mi cunzava,
cavuri cavuri appena sfurnati
cu l’ogghiu renu e sardi salati
‘pi picciriddi era fatta sta festa
e ntò calendariu sula nni resta
Ora ca passaru tant’anni e sta festa nun c’è cchiù
nni resta sulu u ricordu, di la nostra giuvintù
Ora ca muderni addivintamu
Di l’avutri stati nui copiamu
Di l’America luntanu cuntinenti
hallowen sfacciata e priputenti
‘nta tuttu lu munnu sta festa atticchiu
e a nuatri siciliani un pezzu ri cori nni muriu
eramu beddi cuntenti e felici
ora nni scurdamu li nostri radici. +

LIBRI: Victor Hugo - L'ultimo giorno di un condannato a morte - Newton editore

 
L'angosciosa e dolorosissima attesa di un uomo che sta per essere privato del suo unico bene, della sua stessa vita, si consuma lenta e inesorabile, al ritmo ossessivo, martellante degli ultimi penosissimi pensieri e dei deliranti fantasmi di una mente incredula e atterrita. E con questa sorta di lucidissima e appassionata perorazione letteraria a favore dell'abolizione della pena di morte, pubblicata nell'ultimo anno della monarchia dei Borbone, che Victor Hugo, all'età di ventisette anni, prese posizione in difesa dei diritti inalienabili dell'uomo e innanzitutto di quello alla vita. La sua vocazione letteraria nasce e si costruisce infatti quotidianamente proprio in quel luogo vivo, presente, tangibilissimo che è la realtà circostante.

LIBRI: Nulla succede per caso di Robert H. Hopcke - OscarMondadori

Robert H. Hopcke esplora l’universo delle coincidenze, di ciò che sembra avvenire per “puro caso” e ha la forza di modificare la nostra esistenza, cambiando l’immagine di noi stessi e il nostro modo di vedere il mondo, aprendoci nuove prospettive. L’autore individua il ruolo di questi eventi in campo affettivo e professionale, nella realtà e nel mondo dei sogni, negli aspetti materiali e in quelli spirituali della vita; e, attraverso una serie di racconti di esperienze vissute, ci mostra come questi accadimenti riflettano in realtà il nostro stato d’animo interiore e riescano spesso a scuoterci, indicandoci la direzione per noi migliore.

LIBRI: L'età dei miracoli di Karen Thompson Walker - OscarMondadori


La protagonista è una bambina di 11 anni, Jenny, una ragazzina timida e solitaria, che ci descrive con occhi semplici ma incredibilmente penetranti ciò che di punto in bianco accade al nostro pianeta. In un normale sabato la Terra inizia a girare più lentamente sul suo asse, pochi avvertono il cambiamento, ma gli scienziati in alcuni giorni si accorgono che qualcosa non va: sta iniziando il rallentamento. Se nei primi momenti la situazione non è gravissima, nonostante il panico dilagante, con il passare del tempo la cosa diventa più seria perchè il rallentamento, che porta le giornate ad essere lunghe prima 25 ore poi 34 poi 60, porta una serie di cambiamenti catastrofici per la fauna, la flora e per l'uomo. Gli uccelli perdono l'orientamento ed iniziano a morire, le piante non sopportano le ore prolungate di luce(con aumento di temperatura) o di buio(diminuzione della temperatura), molti uomini iniziano ad avvertire forti malori che porteranno alla nascita di una nuova malattia: la sindrome. La situazione precipita in maniera graduale e nessuno sa cosa fare, ma tutti cercano di condurre una vita più normale possibile...l'uomo non si arrende.

LIBRI: Panza e Prisenza di Giuseppina Torregrossa - OscarMondadori


L'ultimo libro della palermitana Giuseppina Torregrossa è un giallo ambientato a Palermo.
"Che ti porto?" chiede lui ogni volta, "Panza e prisenza" risponde lei decisa, cioè: solo te stesso e il tuo appetito. Ogni cena una ricetta, preparata da Marò e servita a Sasà in un'atmosfera di speziata ambiguità. Ogni pasto un passo avanti nelle indagini e uno indietro nel gioco di seduzione..."

LIBRI: "Maschere nude" di Lugi Pirandello - Oscar Mondadori


"Maschere nude" è il titolo che Lugi Pirandello stesso ha scelto per la raccolta dei propri testi teatrali.  Questo volume propone drammi come: "La morsa", "Lumie di Sicilia", "Il dovere del medico Cecè", "La ragione degli altri", "All'uscita", "Pensaci, Giacomino!". Oscar Mondadori - € 10,00

LIBRI: Dimagrire senza dieta di Raffaele Morelli - Mondadori

Se si pensa che un periodo sia migliore di un altro per perdere peso, si continuerà a rimandare, autoingannandosi, a dirsi ogni volta che non è il momento adatto. Ogni scusa sarà buona: ogni arrabbiatura sarà valida ragione per buttarsi sul cibo, ogni tristezza spingerà a colmare il vuoto con i dolci... Ogni qualvolta ci si sentirà stressati, si correrà a compensare mangiando ed ingrassando, dicendo a noi stessi che, quando saremo più tranquilli (cosa che non accadrà mai!), allora si che potremmo dimagrire....Niente di più falso.

LIBRI: Cecità di Josè Saramago - Feltrinelli

Immaginate di diventare improvvisamente ciechi. Immaginate solo per un momento, come cambierebbe la vostra vita e come cambierebbero le vostre priorità.
Potrete farvene un'idea leggendo questo bellissimo romanzo del premio nobel per la letteratura Josè Saramago. 
In una città qualunque, di un paese qualunque, un guidatore sta fermo al semaforo in attesa del verde quando si accorge di perdere la vista. All'inizio pensa si tratti di un disturbo passeggero, ma non è cosi. Gli viene diagnosticata una cecità dovuta a una malattia sconosciuta: un "mal bianco" che avvolge la sua vittima in un candore luminoso, simile a un mare di latte. Non si tratta di un caso isolato: è l'inizio di un'epidemia che colpisce progressivamente tutta la città, e l'intero paese. I ciechi, rinchiusi in un ex manicomio e costretti a vivere nel più totale abbruttimento da chi non è stato ancora contagiato, scoprono su se stessi e in se stessi, la repressione sanguinosa e l'ipocrisia del potere, la sopraffazione, il ricatto e, peggio, l'indifferenza". Tra la violenza e la lotta per la sopravvivenza si inserirà la figura di una donna che, con un gesto d'amore, ridarà speranza all'umanità.

INFORMAZIONE: La migliore guida per il Cammino di Santiago


http://www.pellegrinibelluno.it/index.asp?page=Guide-pagina

Tratti dal sito http://caminodesantiago.consumer.es
Liberamente realizzato da Oriano Rinaldo - pubblicazioni aggiornate a 14 luglio 2013
Guida ed elenco sono disponibili in due formati: A4 e A5. Il file di stampa in A4 è composto per essere stampato FRONTE/RETRO con graffettatura al centro del foglio. Completata la stampa si piegano i fogli a metà e si ottiene un libricino che sta in un tascone dei pantaloni (leggi con attenzione le istruzioni di stampa >>> ).
Il file di stampa in A5 è invece in formato adatto per chi usa iPad, ebook ecc, oppure intende stampare su carta, ma in modo slegato dal formato preconfezionato precedente, utilizzando invece le funzioni della propria stampante per ottenere, ad esempio, il formato "opuscolo".

LIBRI: "Manna e Miele, Ferro e Fuoco" di Giuseppina Torregrossa - Mondadori




Il penultimo romanzo di Giuseppina Torregrossa "Manna e Miele, Ferro e Fuoco" edito da OscarModadori € 10,00, racconta la storia di Romilda Gelardi che fin dalla nascita si rivela una bambina speciale, tanto da ereditare da suo padre i segreti del suo mestiere: il mannaluoro, colui che estrae dai frassini la manna dalle miracolose virtù. Romilda cresce tra gli insegnamenti della madre, che attraverso la cura delle api la educa alla dolcezza e al potere, e quelli del padre che sa che dolcezza e potere possono essere distruttivi se non li controlla. Ma è destinata a incontrare presto la violenza del ferro e la prepotenza del fuoco: Don Francesco, barone di Ventimiglia, la chiede in sposa ancora bambina. E mentre la Sicilia è investita dal vento che scuote la penisola in lotta per l'unità nazionale, anche per i due sposi si compirà un cammino di sofferenza e di prova, al termine del quale Romilda conquisterà una consapevolezza nuovaVisualizza altro



LIBRI: Raffaele Morelli - Le piccole cose che cambiano la vita - Mondadori


la formula segreta del benessere sta nascosta nei piccoli gesti quotidiani che compiamo senza dar loro nessuna importanza

VIDEO: FOOD: il cibo spagnolo per i pellegrinos del Cammino di Santiago


VIDEO: BARCELLONA dal mio Cammino di Santiago


VIDEO: FINESTERRE dal mio Cammino di Santiago


VIDEO: OVIEDO extra Cammino di Santiago


VIDEO: MUXIA, Cammino di Santiago De Compostela


VIDEO: Arrivo a SANTIAGO DE COMPOSTELA - 05/06/2013


VIDEO: 26^ tappa del Cammino di Santiago - da Melide a Pedrouzo


VIDEO: 25^ tappa del Cammino di Santiago - da Gonzar a Melide

VIDEO: 24^ tappa del Cammino di Santiago - da San Mamede a Gonzar


VIDEO: 23^ tappa del Cammino - da O'Cebreiro a San Mamede - 02 giugno 2013


VIDEO: 22^ tappa del Cammino di Santiago - da Villafranca a O'Cebreiro - 01 giugno 2013


VIDEO: 21^ tappa del Cammino di Santiago - da Molinaseca a Villafranca - 31maggio 2013


VIDEO: 20^ tappa - da Santa Caterina a Molinaseca - 30 maggio 2013


VIDEO: 19^ tappa - da Hospital a Santa Caterina - 29 maggio 2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 18^ tappa del cammino - da Leon a Hospital - 28 maggio 2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 17^ tappa del cammino - da Villarente a Leon - 27 maggio 2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 16^ tappa del Cammino - da Bercianos a Villarente - 26 maggio 2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 15^ tappa del Cammino - da Calzadilla a Bercianos - 25 maggio 2013


VIDEO: 14^ tappa del Cammino - da Problatìon a Calzadilla - 24 maggio 2013



VIDEO: 13^ Tappa del Cammino - da Castrojeriz a Problatìon de Campos - 23 maggio 2013


VIDEO: 12^ Tappa del Cammino - da Tardajos a Castrojeriz - 22 maggio2013



VIDEO: 11^ tappa del Cammino - da Atapuerca a Tardajos - 21 maggio 2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 10^ Tappa del Cammino - da Tosantos ad Atapuerca - 20 maggio 2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 9^ tappa - da Santo Domingo della Calzada a Tosantos - 9 maggio 2013 - Cammino di Santiago


VIDEO: 8^ tappa - da Santo Domingo della Calzada a Tosantos - 18 maggio 2013 - Cammino di Santiago


VIDEO: 7^ tappa - da Navarrete a Santo Domingo de la Calzada - 17 maggio 2013 - Cammino di Santiago

VIDEO: 6^ Tappa - da Sansol a Navarrete - 16 maggio 2013 - Cammino di Santiago


VIDEO: 5^ tappa - da Villatuerte a Sansol - 15/05/2013 - Cammino di Santiago


VIDEO: 4^ tappa - da Uterga a Villatuerte - 14/05/2013 - Cammino di Santiago


VIDEO: 3^ tappa - da Trinidad de Arre ad Uterga - 13/05/2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 2^ tappa - da Roncisvalles a Trinidad de Arre - 12/05/2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: 1^ tappa - da Saint Jean Pied De Port a Roncisvalle - 11/05/2013 - Cammino di Santiago de Compostela


VIDEO: Tappa di trasferimento da Palermo a Saint Jean Pied de Port - 10/05/2013 - Cammino di Santiago de Compostela